The Shadow Planet

Un gran bel progetto di fumetto retro sci-fi da sostenere: “The Shadow Planet”!
Per vedere tutta la potenza del progetto dei Blasteroid Bros (Giovanni Barbieri, Gianluca Pagliarani e Alan D’Amico) e supportare, cliccate il link:
https://www.indiegogo.com/projects/the-shadow-planet
shadow_planet_omaggio_rgb_150dpi

Arrivano dal cielo i Falkons&Co!

Fal

Sono arrivati in edicola i dominatori dei cieli: i Falkons&Co! Un progetto editoriale realizzato da Studio RAM per DeAgostini. I disegni sono di Gabriele Peddes mentre i colori del sottoscritto. Sono contento di aver fatto parte a questo bel progetto. Volate in edicola! 🙂
Qui il sito: http://catturalitutti.deagostinipassion.it/falkons.php

Annuario del fumetto 2016

Con quest’anno posso dire di aver fatto poker! È da ben quattro anni, infatti, che realizzo il frontespizio dell’Annuario del Fumetto. L’edizione 2016 sarà presto in tutte le edicole dopo la presentazione in anteprima a Cartoomics, con una copertina eccezionale di Gigi Cavenago.Annuario del Fumetto

Dopo un confronto con la redazione, è stato scelto il seguente tema: “Fumetto: dalla carta al web, dal web alla carta”. Il mondo digitale ha sempre più importanza per il buon successo di un volume e permette a molti autori di impegnarsi in attività di crowfunding per i loro progetti in assenza di editori che possano sostenerli.

Da qui, nasce il connubio tra vecchio e nuovo. Volevo rievocare una conversazione tra generazioni diverse. Un confronto tra i fumetti sfogliati dai nonni, che spesso ancora si conservano in soffitta o in garage, e quelli letti oggi dai nipoti sul web.

Anche quest’anno è stato lanciato il concorso su Facebook, il cui scopo era quello di indovinare i 10 personaggi all’interno dell’illustrazione. Il vincitore che è riuscito a scoprirli tutti è stato Aldo Fici.

I personaggi erano da sinistra a destra: Yellow Kid, Hagar il vichingo, l’Omino Bufo, Spirou con il vestito addosso al gatto, Ultra Sombra di Quebrada, Zerocalcare, Sacro/Profano, Cattivik, Lumina nel tablet del ragazzo e Sio con il suo Scottex Magazine.

Buona lettura e al prossimo annuario! 😉

 

Cartoon Stars

12246707_10206551462278151_8005574934346809872_nPasseggiando a San Marino l’ultimo giorno dell’anno, mi ritrovo davanti a una grande sorpresa: una mostra di opere originali davvero emozionante, dedicata alla storia dell’animazione, intitolata Cartoon Stars.

Disegni, cel e sculture originali provengono dagli studios più importanti: dai Fleisher a Disney, dalla Warner Bros a 20th Century Fox, fino allo Studio Bozzetto.

Un percorso davvero appassionante che svela il dietro alle quinte di oltre 100 anni di cartoni animati. Inizia tutto con Gertie il dinosauro, creato da Winsor McCay che si autodefiniva “mago“, in quanto la figura dell’animatore all’epoca ancora non esisteva. Poi si passa ad ammirare un frame tratto da “Steamboat Willie“, il primo cortometraggio in cui appare Topolino, per proseguire tra le tappe principali del mondo dell’animazione fino a giungere alle avanguardie digitali con il 3D Pixar e Dreamworks.

La mostra rimarrà aperta fino al 21 febbraio, per maggiori informazioni potete consultare il seguente indirizzo: http://www.visitsanmarino.com/on-line/home/articolo31009186.html

 

Gente d’altri tempi

Locandina_bozza_a3-ridottoMusica e fumetto s’incontrano a Milano nella mostra “Gente d’altri tempi. Enzo Jannacci, nuove canzoni a colori” curata da Davide Barzi e Sandro Patè, organizzata da Scarp de’ Tenis e Caritas Ambrosiana con il Comune di Milano e con il sostegno della Fondazione Cariplo, Etica Sgr e Wow-Spazio fumetto.

Tra le mura del Castello Sforzesco, nella sala della Raccolta delle stampe “A.Bertarelli”, 52 fumettisti, illustratori e artisti interpretano le canzoni del grande cantautore milanese.

Gli originali delle opere esposte andranno all’asta l’1 febbraio presso Porro & C. Casa d’aste e il ricavato sarà destinato all’accompagnamento sociale delle persone senza dimora.

Mi è stata assegnata la canzone “Il piantatore di Pellame”, tratta dall’album “La mia gente”, musica di Enzo Jannacci e voce di Cochi e Renato. Qui sotto le fasi di lavorazione.

Il piantatore di Pellame_fasi_72dpi_Rgb

Per l’occasione è stato realizzato un catalogo in cui all’interno, oltre alle 52 opere, sono pubblicate in anteprima le prime 9 tavole di “Quando muore l’ABC”, nuovo volume edito da ReNoir Comics.

Di seguito un piccolo reportage della mia visita.

Piccolo momento di orgoglio campanilistico, assieme a me sono esposti i disegni di altri due illustratori riminesi: Roberto Grassilli e Mabel Morri.

Infine, un servizio sulla mostra andato in onda su Tv2000.

L’esposizione è visitabile fino al 15 gennaioingresso libero. 

L’impero colpisce… Ancona!

12038989_958024894258299_6630849465526563888_o

Dadi e Mattoncini, assieme alla Scuola Internazionale di Comics di Jesi, ha organizzato Kaboom!La Fantafiera, due weekend all’insegna del divertimento ad Ancona. I giorni 4-5-6 dicembre saranno dedicati al Fumetto e ai giochi a tema Star Wars!

Presso i padiglioni di Piazza Pertini si potranno trovare: l’esposizione lego di decine di set e diorami dedicati al mondo di Star Wars, editori del fumetto italiano che presenteranno i loro titoli, più di 50 autori e disegnatori nell’Artist Alley per firme, sketches, commission e tanto altro. 

Inoltre è stato realizzato per l’occasione un portfolio, a tiratura limitata, che contiene 10 illustrazioni inedite realizzate appositamente per la Fantafiera (per prenotarlo: Jesi@scuolacomics.it). Segnalo anche l’albo “Giuseppe Parini-L’impero colpisce Ancona” di Davide La Rosa con la bella copertina di Massimo Bonfatti edito da  Saldapress.

All’interno degli stand saranno in mostra opere a tema Star Wars realizzate da alunni e ex studenti della scuola comics tra cui anche la mia, qui sotto, con Boba Fett e la Fontana dei Cavalli, una tra le più famose fonti di Ancona.

Boba_feet_Ancona_Giorgi_150dpi

Ci vediamo là! 🙂

Magnus prima di Magnus

Ho visitato la mostra “Magnus e l’altrove. Favole, Oriente, Leggende” alla Fondazione del Monte di Bologna. Tutti gli appassionati di fumetto conoscono il genio di Magnus, anche se spesso si inizia con il parlarne dal 1964 quando incontra Max Bunker e comincia la fortunata collaborazione su Kriminal, Satanik e Alan Ford. Invece, l’esposizione vuole far luce sugli anni precedenti al grande successo con le opere di illustrazione del maestro.

Foto 28-11-15, 15 14 44

La mostra si divide in tre stanze, un piccolo gioiello che ritengo meta di pellegrinaggio obbligatorio per chiunque ami il fumetto. Nella prima stanza sono per la prima volta raccolte le illustrazioni per Malipiero (il primo editore che pubblica Magnus) legate alle fiabe delle regioni, a scenari esotici e alle storie classiche, come il famoso e ricercato “Il Mago di Oz”. Appare subito evidente la grande abilità nel disegno, la cura del dettaglio e della colorazione.

Nella seconda e terza sala si trovano gli studi per i personaggi e le incredibili tavole de I Briganti, il Lunario 1995 con le storie ispirate dai racconti popolari della Valle del Santerno e Le 110 pillole. La mostra si conclude con Le femmine incantate e la splendida gigantografia della copertina del 1990.

Sono ironiche le firme che l’autore adotta nel corso del tempo, da quando siglava le prime caricature liceali come “Bob la Volpe”, alla M rovesciata che diventa il fumo di una tazzina di caffè per le tavole de Le 110 pillole.

Oltre ai disegni, nella terza sala viene proiettato un video estrapolato da un incontro del 1995 al Treviso Comics, realizzato un anno prima della sua morte, di cui si trova solo qualche minuto in rete. Magnus risponde a un quesito del pubblico con questo aforisma, descrivendo il suo metodo di lavoro:

Bisognerebbe scrivere con il compasso e disegnare col vocabolario”


16.-copertina-del-volume-magnus-prima-di-magnus-alessandro-editore

Per l’occasione è stato pubblicato il catalogo, edito da Alessandro Editore, un bel volume che contiene ben oltre ciò che è esposto, con un apparato grafico tutto a colori. Nella mostra non vi è il “bookshop”, ma basta recarsi nella libreria dietro l’angolo della fondazione per trovarne una bella scorta.

Per approfondire: http://fondazionedelmonte.it/news/magnus-e-laltrove-favole-oriente-leggende

 

Jim Puma, il cugino di Zagor

Il 5 e 6 dicembre torna la 12239611_10206771417777543_2801826536637344012_n55a Mostra Mercato del fumetto di Reggio Emilia organizzata come sempre dagli amici dell’Anafi, l’Associazione Nazionale Amici del Fumetto e dell’Illustrazione. Molte le novità in catalogo dell’associazione, fra cui il primo volume della nuova collana Inedibooks dal titolo Jim Puma, firmato dal grande Gallieno Ferri (noto ai più come il principale disegnatore di Zagor). La pubblicazione contiene due storie inedite del personaggio disegnato per la Francia nel 1958/1960. Jim Puma è un trapper dallo spirito liberale, leale e protettore dei più deboli, sempre accompagnato da un orfanello di nome Dick.Copertine_Rangers_1-4 Le 130 pagine del fumetto provengono da quattro numeri della rivista francese “Rangers – Rancho Western”(qui a fianco le copertine), mai pubblicata in Italia. La storia è molto piacevole e il segno di Ferri già maturo. Si possono ritrovare le atmosfere, i temi e le ambientazioni che successivamente affronterà sul granitico Zagor. Per tutte queste caratteristiche, penso che a nessun fan dello spirito con la scure debba mancare questo volume nella sua biblioteca.

Assieme al curatore Silvio Costa ho avuto il piacere di recuperato le tavole (scansione e pulizia) e di colorare la copertina. Sono stato felicissimo di occuparmene data l’ammirazione per il lavoro di Gallieno Ferri e per essere cresciuto, fin dai 6 anni, a Zagor e Uomo Ragno.

Per acquistare il volume (al costo di 20 euro) non vi resta che passare in Fiera a Reggio Emilia oppure richiederlo per email al seguente indirizzo: info@amicidelfumetto.it12278984_10206771420617614_4667350342832590803_n

La 55a Mostra mercato del Fumetto di Reggio Emilia si terrà sabato 5 (dalle ore 9 alle 19) e domenica 6 dicembre (dalle ore 9 alle 13) alla Fiera di Reggio in via Filangieri 15, nell’ambito di Cambi & Scambi.